giovedì 28 novembre 2013

uno, nessuno, centomila

Kuwait City non è come Dubai. Non è tutto scintillante, nuovo, moderno, bello e internazionale. Non è nemmeno come Muscat la capitale dell'Oman, case più basse, pulite, con giardini. Tanto bianco.  Non è come Doha, capitale del Qatar, il futuro del Golfo. Kuwait è polvere, bello e brutto insieme. Nuovissimo, vecchio, diroccato e in costruzione tutto nelle stesso angolo, tutto affiancato nella stessa via.
Ma nonostante ciò tutto ha un senso, un suo fascino.
Spesso quando giro in macchina, essendo passeggera posso permettermi il lusso di distrarmi, guardarmi in giro.
Mi incuriosiscono le vie del centro, quelle che ancora hanno qualche negozio, che risalgono a prima che i grandi mall prendessero il sopravvento.
Nel quartiere di Salmya c'è un centro, una via insomma che ti sembra quasi centro.
E lì ci sono tanti negozi, con la caratteristica che quelli dello stesso genere sono tutti appiccicati. Prima i venditori di tappeti, poi utensili per casa, di abaja, di sisha. 
Il mio occhio cadeva sempre sugli stessi, mentre eravamo fermi in macchina, quegli incredibili negozi pieni solo di parrucche. Dieci, forse venti, scopriremo almeno trenta.
Drusilla che guida, non può distrarsi, non ci aveva fatto caso, poi sono io la figlia di parrucchieri, mica lei, quindi sono parecchio incuriosita.
L'ho quindi convinta una mattina a farci un giro da quelle parti.
Un giro turistico alternativo. In mezzo alle stranezze o dovrei dire, particolarità di Kuwait city.

E così finiamo in quel quartiere, così estraneo al nuovo mondo, varchiamo le soglie di negozio assurdi.

Pure un pò paurosi, ma io paura a Kuwait non ne ho mai, se c'è la mia amica poi...




Lei come al solito è più restia, io un po' spavalda, chiedo: "posso provare? Possiamo fare foto?".
Loro come al solito sono gentili, qui il custumer care è davvero avanti, sentito, la gentilezza regna sovrana.
L'hanno capito che stiamo perdendo tempo, che è quasi un gioco, ma loro ci fanno giocare.
Addirittura appena usciamo da uno, il proprietario del negozio vicino ci invita nel suo.
Quando mi ricapita una situazione così, persino Drusilla, inizia a prenderci gusto.


E io che ho sempre fatto un mucchio di storie, che oltre bionda riccia non mi so vedere, che quelle volte che ho cambiato leggermente colore, ho pianto calde lacrime e fatto scenate ai miei cari.
Ecco che provo l'ebbrezza, voglio essere mora boccolosa, castana con taglio frizzante, pink come piacerebbe a mia figlia-
sapete che la versione castana è fatta di capelli veri?
Se mai ci inviteranno a una di quelle feste segrete, potremmo venire qui, oppure faremo noi una festa in maschera, giusto per provare l'ebbrezza della novità. 
Insomma trovare cose da fare in Kuwait non sempre è facile, ma a volte basta aguzzare lo sguardo.....e una mattinata è volata.


21 commenti:

  1. Non sei male neanche mora, ma al naturale cioè con i tuoi riccioli biondi sei molto meglio un abbraccio nonna Stefy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Nonna stefy io sono bionda dentro prima che esserlo fuori. E quindi mi so vedere solo così....

      Elimina
  2. Mora stai benissimo!!! Ma che se ne fanno di tutte queste parrucche??? Bella mattinata e bella la tua positivita'!

    RispondiElimina
  3. No no no Mimma, bionda meglio di tutto! Ti manderei lo ziolele, in questi giorni gira sul web una sua foto con parrucca rosa...Federica

    RispondiElimina
  4. Mimma....queste parrucche nel salone ZR farebbero scappare tutti. .....oppure Rossella cn la sua positività e allegria potrebbe trasformarle in genuine risate...ma tuo padre????? Ahhhhh........sei bellissima in tutte e tre le versioni....ti abbraccio. ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. mia sorella lo sa che io devo essere bionda è l'unica che non mi ha mai delusa. Mio padre ogni tanto vuole azzardare e poi io faccio sceneggiate

      Elimina
  5. Mio fratello è stato a Muscat per qualche tempo per lavoro e n si è davvero trovar male, sempre meglio di Gibuti per lui!

    RispondiElimina
  6. Non ho capito cosa fanno però con tutte queste parrucche!
    Però mi hai fatto tornare in mente una mia amica che mi raccontava che era solita prganizzare le serate "parrucca". Uscivano tra amiche ognuna con una parrucca particolare e come se niente fossero andavano al ristorante! :)

    bonjourchiara.blogspot.com
    Facebook Page Bonjourchiara

    RispondiElimina
  7. intravedo qualche parrucca come i miei capelli :-D
    qui in Rep. Ceca invece non sanno nemmeno che cosa sia il customer care >_> se pensi che io ho fatto la commessa in Italia per 10 anni.. ogni volta che entro in un negozio vorrei uccidere le commesse!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. siiiiii hai visto. no qui bravissimi, gentilissimi davvero.

      Elimina
  8. Un po' per tutto . Quelle belle e vere anche per motivi tristi. Le terribili malattie.

    RispondiElimina
  9. Mimmina stai benissimo mora mi piaci un sacco!!! Ma nn cambiare mai più colore ti prego...l'ultima volta hai pianto come una pazza!!! Baci sorda piccinna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. l'ultima volta?? sempre!!! ahhhhh sono la cliente più rompi che ci sia....

      Elimina
  10. Fortissimo!!! lo sai che provare delle parrucche è il mio sogno proibito da sempre?!?! mai trovata una! :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. vieni a trovarci qui c'è da divertirsi!

      Elimina
  11. Ma come mai vanno così di moda? Tu stai meglio al naturale!! :-)))

    RispondiElimina
  12. io quoto quella rosa!!!!
    ma chi si mette le parrucche che vanno in giro tutte velate???

    RispondiElimina

Habibi non fare il timido, lasciaci un tuo pensiero...